>>> Per chi vuole iniziare

Online ora

 13 visitatori e 1 utente online
  • Dilmal

Info stats

Utenti : 3025
Contenuti : 93
Tot. visite contenuti : 386151
per chi vuole iniziare PDF Stampa E-mail
Martedì 22 Marzo 2011 23:27
Consigliamo a tutti coloro che sono interessati a ricevere maggiori informazioni sulla disciplina del tiro al piattello di presentarsi  nelle giornate di mercoledì pomeriggio o domenica mattina.
In questi giorni è presente sul campo un istruttore federale che assiste i principianti e li segue nel perfezionamento della tecnica.
 
Requisito fondamentale per potere accedere alle pedane di tiro al piattello è essere in possesso di tessera FITAV in corso di validità.
Il costo della tessera è di 50 euro annui e ha validità fino al 31.12 dell'anno in cui viene pagata.
Tale tessera può essere effettuata SOLO utilizzando gli appositi bollettini presenti sui vari campi di tiro al piattello d'Italia.
Con la tessera FITAV si ha l'abilitazione ad accedere in tutti i campi di tiro al piattello d'Italia e di San Marino
Coloro che non sono in possesso di porto d'armi ad uso sportivo o ad uso caccia dovranno obbligatoriamente sostenere 5 lezioni (due teoriche e tre pratiche )al costo di € 25 totali per avere la conoscenza minima dell'arma e del corretto comportamento da tenere nelle pedane di tiro.
Queste lezioni non hanno la pretesa di essere esaustive sulla disciplina del tiro a lpiattello ma unicamente la finalità di insegnare il corretto comportamento nelle pedane di tiro per la propria sicurezza e quella altrui.
Al termine delle 5 lezioni verrà rilasciato un attestato di partecipazione.
 
Il principiante non in possesso di porto d'armi NON potrà mai accedere alle pedane di tiro se non accompagnato dall'istruttore FITAV che avrà la tutela dell'arma e ne garantirà il corretto maneggio.
 
Una volta pagata la tessera FITAV e sostenuto il corso di 5 lezioni il principiante che lo vorrà potrà iniziare le pratiche per la richiesta del porto d'armi ad uso sportivo con il quale sarà indipendente nella pratica del tiro al piattello.
 
Per la richiesta del porto d'armi ad uso sportivo va compilato un modulo di presentazione della richiesta, disponibile anche presso la Questura, il Commissariato di Pubblica Sicurezza o la stazione dei Carabinieri, che potrà essere consegnato:
  • direttamente a mano: l'ufficio rilascia una regolare ricevuta;
  • per posta raccomandata con avviso di ricevimento;
  • per via telematica, con modalità che assicurino l'avvenuta consegna.

Alla richiesta si devono allegare:

  • due contrassegni telematici da euro 14,62, da applicare sulla richiesta e sulla licenza;
  • la certificazione comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato (previo certificato anamnestico rilasciato dal proprio medico di base);
  • la ricevuta di versamento di euro 1,26 per il costo del libretto valido 6 anni, da pagarsi per il primo rilascio e alla scadenza dei 6 anni, richiedendo all'Ufficio territoriale competente gli estremi del conto corrente della corrispondente Tesoreria Provinciale dello Stato (il costo del libretto è di Euro 1,48 per la versione bilingue);
  • due foto recenti, formato tessera, a capo scoperto e a mezzo busto;
  • la documentazione o autocertificazione relativa al servizio prestato nelle Forze Armate o nelle Forze di Polizia o congedo militare o certificato di idoneità al maneggio delle armi rilasciato da una Sezione di Tiro a Segno Nazionale;
  • una dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato attesti:
    • di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dalla legge;
    • le generalità delle persone conviventi;
    • di non essere stato riconosciuto "obiettore di coscienza" ai sensi della legge n. 230 dell'8 luglio 1998, oppure di aver presentato istanza di revoca dello status di obiettore presso l'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (Organo della presidenza del consiglio dei ministri), ai sensi della legge n. 130 del 2 agosto 2007.
 
 
// //